Racconti di Viaggio

Racconti di Viaggio

Arkhyz è un villaggio che si trova nella valle del fiume Bolshoy Zelenchuk, nel Grande Caucaso, in Russia, circondato dalle montagne a circa 70 km nell'entroterra dalla costa del Mar Nero. Il villaggio è stato fondato nel 1923 vicino alla confluenza dei fiumi Arkhyz e Pshish.Arkhyz, sull'istmo situato tra il Mar Nero e il Mar Caspio. L'impatto di questi mari sul clima locale non potrebbe essere più felice per gli sciatori, poiché produce un'eccellente neve polverosa in quantità enormi! Il Monte Elbrus, la vetta più alta della Russia, alto 5564 m, dista appena 100 km.

Come avrete intuito, il paesaggio è estremamente alpino e vanta un'infinita varietà di terreni sciabili, con lunghe discese sui ghiacciai, in ripidi canaloni o attraverso valli boscose. In questi luoghi è impossibile annoiarsi! Ma fare un viaggio ad Arkhyz significa anche fare un viaggio nella storia poiché, al termine di una fantastica giornata sugli sci, torniamo al nostro alloggio nella Dacia Gorbachev. Un tempo residenza estiva dell'ex leader sovietico Mikhail Gorbachev, è qui che Helmut Kohl ha negoziato la riunificazione della Germania nel 1990.

Cominciate a sentire il desiderio di puntare gli sci verso le pendici del Caucaso? La regione del Caucaso rimane davvero selvaggia, offrendo paesaggi di eccezionale bellezza: ghiacciai, creste notevoli e una topografia naturale unica. Il vantaggio aggiuntivo di una vasta gamma di terreni garantisce la soddisfazione di tutti gli amanti dell'heliski. Rivaleggiando con le Montagne Rocciose canadesi, questa regione dista solo poche ore di volo dai principali aeroporti europei. Un ulteriore vantaggio: la vicinanza del Mar Nero e del Mar Caspio, che influenza vantaggiosamente le condizioni della neve, con conseguente notevole manto nevoso per questa latitudine. Se ti piacciono le discese lunghe e sostenute o la vasta distesa di ghiacciai, non rimarrai deluso!
Portare i bambini nel Caucaso per una vacanza sugli sci potrebbe sembrare una follia. Ma come ha scoperto Pete Coombs, c'è molto da fare per tutta la famiglia in Georgia. Mucche, maiali, massi e detriti di valanghe rallentano il nostro progresso mentre ci arrampichiamo su per la stretta valle con il nostro 4x4. Lo stato della strada da solo basterebbe a mettermi su di giri, e i miei nervi sono ulteriormente provati dal fatto che ora stiamo entrando in quello che fino a poco tempo fa era il paese dei banditi, e i miei due figli sono seduti sui sedili posteriori. Solo un decennio fa, mi è stato detto, una famiglia locale rapinava regolarmente i passanti sulla strada per Mestia. Ci sono storie di alpinisti giapponesi che arrivano nella piccola città di montagna georgiana e si ritrovano senza nemmeno una maglietta da indossare, una situazione che è stata risolta solo quando l'esercito è arrivato in elicottero ed ha ingaggiato uno scontro a fuoco campale per il controllo dell'area. A prima vista, questo potrebbe non sembrare un posto ovvio per portare i bambini in vacanza, ma negli ultimi dieci anni molto è cambiato in Georgia. 

Nell'ambito dell'ambiziosa agenda turistica del paese, il precedente governo georgiano ha effettuato un enorme investimento nell'industria locale dello sci. I vecchi impianti di risalita dell'era sovietica e le attrezzature per la manutenzione delle piste sono stati rinnovati e sostituiti. Esperti e consulenti sono stati coinvolti per aiutare ad addestrare istruttori, tecnici di sci e personale del resort agli standard europei ed è stato messo in atto un piano di sviluppo a lungo termine. La Georgia disponeva già in abbondanza delle risorse naturali necessarie. Ci sono tre vette qui che sono più alte del Monte Bianco e la catena del Caucaso, che corre lungo il confine settentrionale del paese, è benedetta da nevicate costanti, grazie alla vicinanza del Mar Nero. Aggiungi le strutture in continuo miglioramento e hai un paese che (nonostante quel video virale di un incidente in seggiovia di due anni fa) sta vivendo una sorta di boom dello sci. Dal 2012 al 2018, le visite alle località di montagna del paese sono aumentate di quasi il 500%, secondo il Ministero dell'Economia georgiano.

La maggior parte degli europei che organizzano un viaggio qui in inverno, fanno parte della categoria più intrepida e scialpinistica della scala. Ma i miei figli, di nove e undici anni, sono entrambi sciatori esperti e tutta la famiglia era pronta per l'avventura. Quindi abbiamo pensato, perché no? Abbiamo scelto Mestia come il posto migliore dove fare base per la settimana, perché offre l'accesso a due stazioni sciistiche vicine: Hatsvali e Tetnuldi. Puoi interpretarla come la risposta della Georgia a Chamonix, anche se, in realtà, è più simile alla Chamonix dei tempi passati, che vive solo in quelle foto in bianco e nero appese alle pareti dei ristoranti. Babushki (nonne) che trasportano secchi di grano si salutano per le strade, mentre le mucche dominano la strada principale. Ma il terreno intorno a Mestia è a dir poco spettacolare, rivaleggiando con tutto ciò che la località francese ha da offrire. Picchi frastagliati torreggiano su fitte foreste miste di latifoglie e pini, come le guglie di una cattedrale. I ghiacciai cadenti si aggrappano ai loro fianchi ripidi, luccicanti nella luce. Il Mt. Ushba a 4.710 m, è il gioiello a doppia punta nella corona tempestata di gemme della valle. Gli edifici di Mestia sono un mix di torri medievali fortificate e negozi di epoca sovietica messi insieme da blocchi di cemento quadrati, con lo strano hotel in stile alpino di nuova costruzione gettato dentro.

Spesso un esterno poco invitante si apre su un bar accogliente con stufa a legna, ottimo cibo e gente del posto che canta a squarciagola. Per fortuna, la nostra guest house, rustica ma confortevole, è perfetta. Il negozio di noleggio sci che si trova alla porta accanto è un po 'più incostante. Le scelte, a quanto pare, sono limitate e mio figlio non è molto contento degli sci da bambina rosa e bianchi che sono gli unici della sua taglia, ma almeno non è costoso. Questa è una tendenza che continua mentre ci dirigiamo su per la collina. Sia Hatsvali che Tetnuldi sono gestite dal governo e vi si accede con lo stesso skipass, incredibilmente economico, funziona in entrambe le località. Un pass per adulti di sei giorni costa meno di 50 Euro, mentre un pass per bambini dai 6 ai 16 anni costa solo 26. Nonostante siamo a metà febbraio,  quando anche le località più piccole delle Alpi sarebbero brulicanti di folla, saliamo direttamente sull'impianto di Hatsvali. Il resort ha solo due seggiovie e due skilift (anche se non li abbiamo mai visti aperti) e l'impiano a valle in realtà fornisce solo l'accesso dalla città, portandoti attraverso la foresta alla seggiovia per quattro persone della stazione intermedia principale.

Seggiovia Zuruldi, a 2.348 m, abbiamo la possibilità di entrare nel caffè di montagna o di scendere in pista. Il caffè è la mia opzione preferita: una quantità di gente del posto è seduta sul solarium, beve caffè italiano e ascolta del jazz rilassato. Ma sono in minoranza. Così, invece di mangiare la torta dall'aspetto invitante, ci incamminiamo su una pista rossa perfettamente preparata, che abbiamo tutta per noi. Sentendo la famiglia urlare di gioia alle prime curve della stagione, mi sento leggermente meglio. Hatsvali potrebbe avere un solo impianto veramente sciabile, ma quell'impiano ti porta su un terreno molto ampio.  Oltre alla rossa ci sono un paio di nere ripide, alcune piste forestali, una zona per principianti e, per chi ha la passione e le abilità sulla neve fresca, c'è un sacco di foresta in cui perdersi. Tetnuldi è la seconda montagna vicino a Mestia, dove ci dirigiamo dopo la nostra prima giornata di esplorazione, è una proposta completamente diversa. Inaugurato nel 2016, vanta quattro seggiovie nuovissime e velocissime che ti portano da una stazione a valle già alta a 2.265 m fino a 3.040 m. Come a Hatsvali, le piste sono in perfette condizioni e, una volta che i pochi gruppi di scialpinisti che abbiamo incontrato durante la salita scompaiono all'orizzonte,  e i vacanzieri russi si fermano per la loro prima birra alle 11 del mattino, abbiamo interamente per noi. La mia famiglia lo adora, con mia figlia che mi ricorda quanto fosse stato impegnativo il nostro ultimo viaggio di metà semestre di febbraio. "Mi piace il modo in cui gli impianti di risalita qui sono solo per noi papà", dice, "e che nessuno sta mai sulle code dei miei sci". Per me, la vera gioia è poter ingaggiare le piste alla velocità che voglio, sicura di non dover controllare costantemente alle mie spalle che i bambini siano al sicuro da sciatori fuori controllo. Troviamo anche la polvere. Dopo aver percorso queste piste con una guida solo pochi giorni prima e aver insegnato ai bambini come usare il loro kit da valanga durante i viaggi precedenti, mi sento a mio agio a guidarli fuori pista. Ancora una volta, la mancanza di folla è un enorme vantaggio: ci sono ancora gobbe di neve soffice una settimana dopo l'ultima grande nevicata. Usiamo i cespugli per fare slalom, e giochiamo nei piccoli canaloni, sciando come half-pipe naturali finché alla fine, nonostante le forti obiezioni dei bambini, papà deve ammettere che è stanco e deve fermarsi per il pranzo. È delizioso e, ancora una volta, il mio portafoglio tira un sospiro di sollievo quando il conto viene consegnato: l'equivalente di 17 euro per kebab e khachapuri (pane al formaggio georgiano, spesso servito con un uovo) con cui ci sentiamo più che soddisfatti.  Tornati in città, le cene sono altrettanto fantastiche e allo stesso modo un ottimo rapporto qualità-prezzo. Molti dei ristoranti propongono anche musica tradizionale dal vivo come intrattenimento: gruppi di soli uomini che cantano canzoni di battaglie vinte e amanti perduti. Non c'è dubbio che Mestia sia ancora una destinazione insolita. Quanto tempo durerà, tuttavia, è un'altra domanda. Una volta avviato l'investimento, seguiranno sicuramente più turisti internazionali.

Mentre guidiamo fuori città, sono contento che abbiamo deciso di venire a visitare questi luoghi ora,  prima che cambi troppo. Poi il 4x4 prende la milionesima buca del viaggio, e mi ritrovo a chiedermi se non varrebbe la pena fare una migliore manutenzione alla strada.

Mestia è anche un perfetto punto di partenza per una gita di scialpinismo. Prima dell'arrivo della mia famiglia, ho trascorso dieci giorni esplorando la regione con Ilia Beruleva, una guida accreditata IFMGA che si è formata a Chamonix. Oltre ai molteplici e lunghi percorsi dalla cima del Tetnuldi al fondovalle, abbiamo trascorso alcuni giorni in giro per il patrimonio mondiale dell'UNESCO di Ushguli, uno degli insediamenti più alti abitati ininterrottamente in Europa. Ci siamo anche diretti nella zona intorno al monte Ushba, dal villaggio di Mazeri. Mentre eravamo esausti ogni giorno per lo sforzo di guadagnare le nostre curve, abbiamo appena scalfito la superficie di ciò che la natura selvaggia circostante ha da offrire.

 Scritto da Pete Coomb su Snow Magazine www.snowmagazine.com
Last Updated: 11 Mar 2021 Image credit: Redbull Content Pool
Siamo arrivati ​​a Valle Nevado, a sud di Portillo, vicino alla città di Farellones, per la seconda tappa del viaggio proprio mentre il sole stava tramontando dietro le cime delle montagne. In quasi un istante, siamo stati avvolti in una sfera di luce clementina, come se gli spiriti andini avessero posizionato un filtro fotografico arancione sull'intera scena e ci inondassero con la fantasmatica sensazione che qualche potere superiore facesse la guardia a questo luogo. Quando lo spettacolo di luci è cessato, abbiamo scoperto che, diversamente da Portillo, le opzioni di alloggio, ristorazione e vita notturna di Valle Nevado offrivano ogni sera un'avventura a scelta. Dalla nostra base nell'iconico hotel trapezoidale di Valle Puerta del Sol, abbiamo raggiunto il ristorante Sur per l'autentico brasato cileno di manzo e stufato di pesce; Mirador del Plomo per il suo bar di pasta su ordinazione; e La Lanera per la fonduta. Valle Lounge, accanto all'Hotel Valle Nevado, offriva un après spot alla moda con un caminetto accogliente e il Bar Tres Puntas era il ritrovo a tarda notte per musica dal vivo, balli e biliardo. Il comprensorio sciistico si trova in cima a un altopiano circondato da ripidi dislivelli in profonde cicatrici geologiche subdotte con un'arena di montagne imponenti che si ergono più in alto. Gli sciatori hanno a disposizione quasi mille ettari di terreno aperto, insieme a un facile accesso ai vicini La Parva e El Colorado, proprio come l'interconnessione delle grandi località europee. Sulla neve, i nostri vincitori sono tornati alle loro radici il primo giorno, lambendo il parco di Valle Nevado con un'esuberanza infantile. Per coincidenza, lo sciatore professionista Karl Fostvedt stava visitando il resort e si è unito a noi, trasformando Tyler e Brian in fanboy che riuscivano a malapena a contenere la loro eccitazione per sciare con uno dei loro idoli. La possibilità di condividere l'accesso che ci è stato concesso in questi viaggi freeskier con altri sciatori appassionati è diventato un momento clou del nostro tempo trascorso a Valle.

Leggi l'articolo completo su freeskier.com
All età di 18 anni, conclusa la mia tragica esperienza nel mondo dell istituzione scolastica, nutrivo una profonda voglia di avventura per la scoperta di luoghi sperduti nella natura, dove poter esprimere tutta quell energia che per anni sembrava non aver trovato sfogo da dentro di me, e una cosa era chiara, non avevo nessuna intenzione di chiudere i miei orizzonti davanti a interrogazioni, test, scadenze e cose che non mi appartenevano. Per questo, dopo un accurata riflessione su quello che stavo cercando, tutte le indicazioni portavano nel Britsh Columbia, regione del Canada attraversata completamente dalle Rocky Mountain, famose per offrire stagioni invernali cariche di perturbazioni nevose, abbondanti e leggere come la polvere. La mia avventura ebbe luogo dalla freddissima città di Calgari, la ricordo così perché nel mese di dicembre, quando arrivai, fuori all aereoporto, ad attendere i miei polmoni mediterranei, c erano –25 gradi, e da lì sentivo che le porte della scoperta, si spalancavano sempre di più. Così, senza esitare, con il mio snowboard, i miei scarponi, una vaga idea di come erano fatti quei posti e mille dollari in tasca, montai su un autobus del GreyHound, che percorrendo la Trans Canada Highway da est a ovest, mi portò ad attraversare tutte le migliori stazioni sciistiche, tra cui Lake Luise , Sunshine Village, Mont Norquay, Kicking Horse, e più l entusiasmo della scoperta di quei posti saliva più i miei soldi diminuivano, così, per non abbandonare la magia che si era creata nel vivere questo sogno tra le montagne, arrivato nella città di Revelstoke, decisi di cercare un lavoro che mi avrebbe dato la possibilità di continuare a godere di quei posti, per me unici. E da quel momento, con il fatto che non ero più un nomade, ebbi la fortuna di conoscere a fondo il comprensorio sciistico di Revelstoke, che giorno dopo giorno grazie al suo concetto di sci freeride mi fece cadere in un amore profondo nei sui confronti, aprendomi così, le porte ad un livello supeririore del mondo dello sci. Per questo, al mio ritorno in terra Italica, decisi che avrei cercato di trasmettere a tutti gli amanti dello sci freeride, le energie che un posto del genere riesce a dare. Da qui, nasce lo Ski Bum Tour, viaggio da me ideato, e infine realizzato per la prima volta insieme a un gruppo di 9 rider accaniti, amanti dello sci fuori pista, dove il programma prevedeva di sciare i tre Skiresort più intriganti del nord America. Una premessa che intendo fare da subito, è quella di togliere l illusione che sia scontato trovare condizioni di neve polverosa, e vista la mia esperienza invernale di 2 anni trascorsi in Canada, posso affermare, che in media, le condizioni da sogno (quelle con la neve fino alla gola) nel l arco di un mese, si possono verificare dalle 5 alle 10 volte, percui lo spirito con cui consiglio di partire, è quello della scoperta di un posto nuovo e divertente in ogni caso. Infatti, questo gruppo, ad insaputa di tutti, avrebbe trascorso tra le piste, i 10 giorni più intensi di alta pressione mai reggistrati nell arco di 50 anni, per cui iniziammo la nostra avventura presso kicking Horse resort nel mese di gennaio con condizioni di sole, tipiche della primavera, dove nonostante le condizioni dure, il livello e la qualità dei partecipanti, ha comunque tenuto alto lo spirito e la verve nell affrontare curva dopo curva, e lo stesso successe nell area di Revelstoke. Ma nonostante l'alta pressione, in Canada c'è sempre una speranza, e quella si chiama Heli-skiing, dove grazie ad essa, i nostri eroi, riuscirono a sciare discese vergini con neve polverosa, su crinali e vallate esposte a nord, conservate intatte dalle guide, a vista di tempi di scarse perturbazioni. Con questo articolo colgo l occasione per ringraziare i partecipanti della prima edizione dello skibum tour, e aggiungo che sciare insieme a persone nuove, stimola a migliorare lo stile e a tenere alto il proprio livello di sci, e mi auguro veramente un giorno, di ripetere l esprienza in un logo diverso con lo stesso gruppo.
Via dei Campani, 63
00185 Roma
tel.: 064941161
fax: 064940472
info@topskiing.it
 
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

® DARWIN SAS - Tutti i diritti riservati - P.IVA 01982491001